Bambini...i più vulnerabili

Interlife opera in aree rurali estremamente povere nello stato Indiano del Tamil Nadu in cui l’esclusione sociale legata al sistema delle caste, lo sfruttamento e la miseria, colpiscono intere comunità, facendo dei bambini una vittima privilegiata.

 Le difficili condizioni di vita e la mancanza di opportunità, sono solo alcuni dei gravi problemi che affliggono i bambini:  

1. Malnutrizione e mortalità infantile

La malnutrizione e la conseguente anemia è assai comune tra i bambini, e ciò si traduce in mancanza di energie, problemi alla vista, ritardi nell’apprendimento, minor concentrazione, poca memoria e scarso profitto scolastico, senza contare che per i bambini al di sotto dei 5 anni, la malnutrizione può spingersi fino ad estreme conseguenze.

Complicazioni durante la gravidanza (accresciute dalla malnutrizione delle mamme e dalle difficili condizioni di vita) e mancanza di strutture sanitarie, fanno sì che la mortalità neonatale sia elevatissima, inoltre, come riferiscono i nostri partner locali, frequenti errori durante il parto provocano spesso danni cerebrali e disabilità permanenti ai neonati.

In più i bambini malnutriti hanno basse difese immunitarie, si ammalano spessissimo, ed in aree in cui mancano ospedali e ambulatori medici o in cui un farmaco è reperibile al costo di uno stipendio trimestrale, la salute rappresenta un bene più prezioso dell’oro, e le conseguenze di un semplice malanno per la vita di questi bambini può risultare fatale. 

2. Lavoro minorile e sfruttamento

Non avendo una vita familiare semplice e sufficienti stimoli e incoraggiamenti, molti bambini abbandonano la scuola primaria. I genitori, prevalentemente analfabeti, stretti dalle esigenze della quotidianità,  accettano che i loro figli lascino la scuola per aiutarli nei lavori domestici e poter contare su due mani in più, oppure gli permettono di lasciare il villaggio per accettare lavori in hotel, botteghe, piccole unità industriali, campi di riso o come ambulanti, perlopiù in città. 

A questo punto però, una volta lontani da casa, il confine tra lavoro e sfruttamento è davvero troppo sottile.  I bambini rischiano di finire nelle mani di criminali senza scrupoli, da cui vengono menomati o resi ciechi per poter mendicare per le strade cittadine, se non addirittura venduti per il traffico di organi

Inoltre le bambine sono sottoposte a un sistema di lavoro durissimo, secondo lo schema Sumangali, che le costringe a lavorare in fabbriche tessili per 12 ore al giorno per tre anni consecutivi, in condizioni malsane, ma nessuna di loro raggiunge il terzo ed ultimo anno di lavoro: colpite da malattie respiratorie, nessuna sopravvive.   

3.Discriminazioni sociali e di genere

Il lavoro di Interlife si concentra nei distretti di Pudukkottai e Sivagangai, in cui, comunità svantaggiate di intoccabili, i Dalit e i Valayers, vivono nell’emarginazione totale. Pochissimi sono dunque i bambini che riescono, seppur con molte difficoltà, ad andare a scuola, e tra questi la percentuale di bambini che completano gli studi fino alla V classe è solo del 21% a fronte di un tasso di abbandono scolastico del 79%.
Purtroppo però non sono solo le discriminazioni sociali legate alla povertà ed al sistema delle caste, ma anche le discriminazioni di genere ad incidere negativamente nel contesto in cui operiamo.

In queste aree le bambine sono infatti discriminate su molteplici piani: In un’ottica di disparità di genere, che induce a dare sempre priorità ai figli maschi, le bambine sono tenute a rinunciare all’istruzione per aiutare la famiglia, a prendersi cura dei fratelli più piccoli, a mangiare meno rispetto agli uomini di casa, ad accettare lo schema Sumangali, ad essere vittima di infanticidi e aborti selettivi, o a pagare con la propria vita la povertà familiare a causa del terribile "bride burning" (fenomeno crudele, ancor’oggi praticato, che prevede che la sposa-bambina venga bruciata viva se lo sposo o la sua famiglia giudicano inadeguata la sua dote), senza contare i pericoli quotidiani in cui le piccole  incorrono anche solo andando a scuola.

4. Matrimoni precoci

Molestie e violenze sono all’ordine del giorno per le ragazze delle caste più umili e, sebbene la legge proibisca i matrimoni in tenera età, i genitori, per timore che le figlie non siano al sicuro o possano essere disonorate se non si sposano subito, tendono a trovare un marito per le loro bambine con l’arrivo stesso della pubertà, generalmente tra gli 11 ed i 15 anni, se non prima. Ciò comporta però molti traumi e problemi psicologici per le ragazzine, che spesso muoiono durante la gravidanza o il parto. 

Alla luce di questa terribile situazione è chiaro che questi bambini, se non protetti, rischiano la vita ogni momento:

e' dunque importante agire ORA!

Basta un piccolo contributo per cambiare radicalmente la vita di questi bambini. 
Solo pochi centesimi al giorno per garantire loro istruzione e protezione. 

Non c’è tempo da perdere. Scegli subito il sostegno a distanza!

 

 

 

* Il Sumangali scheme è un sistema ricorrente di sfruttamento del lavoro femminile, adottato in India dai proprietari di fabbriche tessili per i quali una ragazza è costretta a lavorare 12 ore al giorno in condizioni malsane per tre anni e alla fine del terzo anno riceve un pagamento di 30.000 Rupie [circa 353 €]. Nessuna ragazza riesce solitamente a concludere i tre anni di lavoro poiché viene colpita da malattie respiratorie quali asma, allergie, eosinofilia etc. Così tornano da ammalate nei loro villaggi dove trascorrono i loro ultimi giorni oppure scompaiono senza lasciare traccia.

 

** Infanticidi, aborti selettivi, violenze di ogni genere e il drammatico fenomeno del "bride burning", delitto che avviene perché lo sposo o la sua famiglia giudicano inadeguata la dote portata dalle mogli, sono solo alcuni dei pericoli in cui incorrono le bambine, che spesso rischiano di essere commerciate e vendute ai bordelli o ai proprietari di fabbriche tessili che le sfruttano secondo lo schema Sumangali.

 

 

 

We use cookies to offer an improved online experience. You can change your cookie settings at any time. Otherwise, we'll assume you're OK to continue. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site